SULL’ INTITOLAZIONE DELLA SEDE FDI “PINO RAUTI” A BRESCIA

Ci uniamo alla protesta di tutte le organizzazioni antifasciste nello stigmatizzare severamente l’apertura nella nostra città di una sede giovanile di FDI intitolata a Pino Rauti e chiama i propri militanti, iscritti e sostenitori a partecipare al presidio organizzato da Unione Popolare che si terrà Sabato 19 Novembre alle ore 16 in Piazza Loggia.

Riteniamo questa, così come la sede di FDI intitolata a Giorgio Almirante a Salo’ nel 2020, una sfacciata provocazione in una provincia profondamente segnata dalla adesione alla lotta di resistenza contro il nazifascismo e ancora colpita da strage fascista il 28 maggio 1974 in piazza loggia a Brescia.

Rauti Pino volontario nella repubblica sociale di Salo’, golpista, fondatore di Ordine Nuovo, è stato incriminato per attentati a treni, per la strage di Piazza Fontana e rinviato a giudizio proprio per la strage di Piazza Loggia, poi assolto pur se riconosciuto come “mandante morale” della stessa.

Lo sdoganamento del fascismo, cominciato da tempo proprio da quelle forze di governo della sinistra liberale che oggi alzano ipocritamente la bandiera dell’antifascismo, non a caso esce rafforzato dalla nascita del governo di destra Meloni e non si pone il minimo problema per la persistente norma transitoria costituzionale che prevederebbe lo scioglimento di ogni forma di organizzazione o ricostruzione di movimenti fascisti sul nostro territorio.

A noi spetta il compito di non lasciare passare sotto silenzio questa normalizzazione e di opporci al rinvigorirsi del pensiero fascista nella nostra provincia con ogni forza, affinché anche quest’ ennesima provocazione venga rintuzzata e cessi.

Crediamo nella costituzione antifascista nata dalla lotta di resistenza al nazifascismo per la quale molti compagni e democratici hanno speso la vita e non accettiamo che il loro sacrificio venga reso vano dai rigurgiti fascisti odierni.

Viva la costituzione antifascista, Viva il comunismo!

La Segreteria Provinciale

PCI BRESCIA

Lombardia maglia nera per le morti sul lavoro, la Giunta se ne fotte.

l'Unità dei Lavoratori

Fontana brinda ai grandi risultati ottenuti…

Oltre che per avere “immobilizzato” il 44% dei fondi stanziati per il Covid (circa due milioni di Euro) laCorte dei Conti boccia la Giunta Lombarda anche sulle politiche di contrasto agli infortuni sul lavoro. Nel rapporto si rileva come, a fronte di unaumento delle denunce di infortunio e delle morti sul lavoro sia nel 2021 che nel primo semestre ’22 (58 i morti sul lavoro in regione, Brescia maglia nera con 15 infortuni mortali al 22 Luglio) siano invece al livello del 2020 (con il lockdown ecc.) il numero delle ispezioni e siadiminuito il numero delle imprese ispezionate. Anche sui morti i nostri governanti “fanno la cresta”, come su tutto ciò che spetterebbe “al popolo”.

Fontana durante l’audizione nemmeno commenta su questi punti, risponde solo in merito alle Olimpiadi di Milano Cortina, i morti della pandemia e quelli sul lavoro non…

View original post 264 more words

Come bestie da soma.

l'Unità dei Lavoratori

Decine e decine di segnalazioni in ogni regione legate a malori sui luoghi di lavoro per il caldo eccessivo. Operai ed edili stanno vivendo l’inferno in questo periodo, altro che “”protocollo di intesa sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro”. Ieri un morto, per il caldo, a Rivoli.

https://torino.repubblica.it/cronaca/2022/07/21/news/operaio_muore_in_fabbrica-358660828/?ref=RHTP-BH-I358461780-P5-S10-T1

View original post

Cordoglio del PCI Lombardia per la scomparsa del compagno Luigi Tranquillino

La segreteria regionale lombarda del PCI si associa al cordoglio delle federazione milanese, per la scomparsa del compagno Luigi Tranquillino, una grave perdita per il movimento comunista oltre che per tutti quelli che lo hanno conosciuto. Nella mia breve esperienza  come segretario ricordo un compagno  appassionato e combattivo con cui è stato un  piacere rapportarsi. Alla compagna Nadia un sincero augurio di pronta guarigione ed un forte abbraccio per il terribile momento che sta affrontando.

Per la Segreteria, il Segretario regionale

Claudio Molteni

Solidarietà alla Camera del lavoro di Garbagnate

Il Partito Comunista Italiano condanna il vile atto vandalico di cui è stata bersaglio la camera del lavoro di Garbagnate ed esprime solidarietà al sindacato vittima dell’aggressione, tanto più vile in quanto rivolte a tematiche pretestuose ormai fuori
tempo.


Riteniamo questi gesti siano tesi a distrarre l’attenzione dai veri problemi che oggi attanagliano il mondo del lavoro come salari bassi basse tutele su sicurezza e diritti.


Segretaria regionale Lombardia PCI

Addio a Carlo Smuraglia

La federazione del Pci milanese e la segreteria regionale lombarda del partito partecipano al grave lutto che ha colpito l’Anpi per la perdita del suo presidente nazionale onorario, compagno Carlo Smuraglia.

Gli ideali di libertà, giustizia e uguaglianza che hanno caratterizzato la resistenza italiana, della quale l’Anpi è il principale custode, sono oggi più che mai attuali e il nostro partito, pur nelle reciproche e legittime differenze di valutazione di inediti scenari globali, in memoria rispettosa del compagno Smuraglia, continuerà con sempre maggiore e rinnovato impegno a perseguire gli ideali che ne hanno caratterizzato il suo operato storico.

Viva la resistenza, viva la libertà, viva il 25 Aprile.

SANITÀ – UN’INIZIATIVA DEL PCI A BRESCIA

Il Partito Comunista Italiano, Federazione di Brescia, organizza e invita a partecipare al dibattito

LA RIFORMA SANITARIA MORATTI FONTANA E LE PROBLEMATICHE DELLE NASCENTI CASE DI COMUNITA’

PROSPETTIVE CRITICHE E PROPOSTE DI MIGLIORAMENTO

PER UNA SANITÀ PUBBLICA GRATUITA – UNIVERSALE – DI QUALITÀ

introduce e coordina

ALBERTO MARINO     PCI BRESCIA

intervengono

ANGELO BARBATO    FORUM DIRITTO ALLA SALUTE

ANTONINO CIMINO    MEDICINA DEMOCRATICA BRESCIA

GIORGIO BARBIERI    MMG  FP CGIL

16 Maggio 2022 ore 18

Casa delle Associazioni,  via Cimabue 16 – BRESCIA

S. POLO